laparoscopia-veterinaria-cvol-clinica-ostia-roma.jpg

La Laparoscopia in Medicina Veterinaria

laparoscopia-veterinaria-cvol-clinica-ostia-roma.jpgLa laparoscopia è una tecnica mini-invasiva di recente introduzione in medicina veterinaria che permette al chirurgo di effettuare interventi addominali sfruttando delle brecce operatorie molto piccole nelle quali introdurre gli strumenti chirurgici. Il paziente viene sottoposto ad anestesia generale, si accede in addome tramite le cosiddette porte, si insuffla aria per creare spazio di movimento (altrimenti assente data la pressione negativa) e si esegue l’intervento chirurgico tramite visualizzazione su un apposito monitor.

Normalmente si eseguono:

  • ovariectomia e ovaristerectomia nelle cagne;
  • asportazione dei testicoli ritenuti in cani maschi con criptorchidismo addominale;
  • gastropessi preventiva;
  • ispezione e biopsie ai principali organi addominali (fegato, pancreas, reni, milza, stomaco, intestino, cistifellea, vescica, prostata, ovaie, utero e peritoneo) nonché a tutte le masse addominali di qualunque natura;
  • cistoscopie per asportazione di calcoli;
  • colonpessi, cistopessi, etc.

Come l’approccio chirurgico tradizionale, anche la laparoscopia ha i suoi pro ed i suoi contro. Ecco i punti a favore:

  • riduzione del dolore post operatorio in quanto si riduce la manipolazione degli organi interni;
  • breccia operatoria di dimensioni minori;
  • ripresa più veloce del paziente;
  • riduzione delle complicanze post operatorie come infezioni e infiammazioni della ferita chirurgica;
  • notevole ingrandimento dell’immagine, unitamente alla qualità della stessa, che consente una più precisa individuazione delle lesioni su cui eseguire eventuali biopsie, il che migliora la resa delle procedure diagnostiche.

E poi ci sono i contro della laparoscopia:

  • dimensioni del paziente, di solito è difficile intervenire su pazienti sotto i 3kg di peso;
  • difficoltà di manovra in caso di organi dilatati, come in caso di piometra;
  • paziente in condizioni instabili o con alterazioni dell’emodinamica;
  • emorragie;
  • aderenze multiple;
  • gravi cardiopatie;
  • obesità;
  • peritonite settica.

Possiamo quindi considerare la laparoscopia una tecnica utile da sfruttare in medicina veterinaria? Certamente e con grandi benefici, senza però dimenticare che a volte rimane comunque necessario ricorrere alla chirurgia con approccio classico.

La Clinica Veterinaria Ostia Lido si sta attrezzando per offrire al più presto ai propri clienti le prime chirurgie in laparoscopia! Stay tuned.

Dott.ssa Martina Reitano